La Certificazione Energetica - STUDIO TECNICO PECI NOCENTINI

Vai ai contenuti

Menu principale:

La Certificazione Energetica

Il Nostro Lavoro

La certificazione energetica degli edifici è una procedura di valutazione prevista dalle direttive europee 2002/91/CE e 2006/32/CE.
Per quanto riguarda l'Italia, con l’espressione «certificazione energetica degli edifici», in una prima accezione, deve intendersi la disciplina complessivamente stabilita in tema di rendimento energetico dell’edilizia e contenuta nel d.lgs. 19 agosto 2005, n. 192 (attuativo della direttiva 2002/91/CE) e successive modifiche ed integrazioni. In una seconda accezione, l’espressione deve altresì essere riferita al complesso delle operazioni svolte, dai soggetti a ciò abilitati, per il rilascio dell’attestato di certificazione energetica (cd. ACE), ovvero del documento, redatto secondo le particolari norme e i criteri di cui alla relativa normativa, attestante la prestazione, l’efficienza o il rendimento energetico di un edificio e altresì contenente le raccomandazioni per il miglioramento della prestazione energetica del medesimo (art. 2, comma 3, all. A al d.lgs. 29 dicembre 2006, n. 311).

 

Isolamento del fabbricato


Uno degli obbiettivi principali sulla progettazione e sulla realizzazione dell’isolamento, è quello di garantire un risparmio di energia, riducendo così anche il costo in bolletta, ma non solo, un buon isolamento garantisce un piacevole confort abitativo, mantiene costante la temperatura interna, insonorizza il fabbricato dai rumori provenienti dall’esterno e protegge l’ambiente interno dalla creazione di muffe e funghi, migliorando così la qualità dell’aria che si respira.


 

Isolamento a cappotto

Consiste nell’applicazione di un insieme di materiali di diversa natura, isolanti e non, che permettono di ridurre le escursioni termiche del fabbricato mantenendo costante la temperatura interna, permettono un ridimensionamento dell’impianto di riscaldamento e climatizzazione, agevolano l’insonorizzazione del’edificio e riducono la creazione di muffe derivanti da fenomeni di condensa all’interno dei singoli ambienti.
L’applicazione a cappotto può essere fatta sull’involucro esterno del fabbricato, oppure sulle pareti interne esposte verso l’esterno “camicia”.
Quest’ultima risulta essere meno utilizzata, in quanto meno efficace sugli effetti di condensa.


 

Il tetto

Perché scegliere di isolare il tetto?
La copertura di un edificio, comunemente detta tetto, ha la funzione di preservare gli ambienti interni dagli agenti atmosferici.
Un buon tetto deve poter resistere alle sollecitazioni chimiche, fisiche e meccaniche, in oltre deve poter garantire un’ottima impermeabilizzazione.
L’isolamento di un tetto ha la funzione di ridurre lo scambio termico che avviene tra ambienti con differenti temperature e mantenere costante la temperatura all’interno dell’abitazione.
E’ fondamentale che un tetto isolato abbia una sufficiente ventilazione, lo scopo è quello di smaltire il vapore che inevitabilmente si crea tra i singoli strati, ridurre il calore nel periodi estivo e asciugare eventuali infiltrazioni di acqua, in oltre la ventilazione tra gli strati agevola lo scioglimento di neve e di ghiaccio presenti sul tetto.

 

Isolamenti


In materia di isolamento, possiamo parlare di due principali tipologie:
coibentazione invernale, che riduce le dispersioni di calore dall’interno dell’abitazione verso l’esterno e limita l’ingresso del freddo;
e coibentazione estiva, detta anche “schermatura”,la quale ha esattamente il compito inverso alla coibentazione invernale.
Quando si parla di coibentazione invernale si intende la necessità di isolare il fabbricato dal freddo e garantire un adeguato riscaldamento interno.
Esistono molteplici tipologie di materiali per isolare il fabbricato nel periodo invernale, ma i più utilizzati consistono in materiali espansi come quelli poliuretanici e polistireni.
Per quanto riguarda la coibentazione estiva, si intende la necessità di “schermare” l’abitazione dal caldo, riducendo la richiesta di energia dall’impianto di climatizzazione per poter raffrescare gli ambienti.
Per isolare termicamente il tetto e quindi gli ambienti sottostanti dal caldo, si utilizzano materiali composti da fibre naturali.


Torna ai contenuti | Torna al menu